Hi-Tech I Consigli di Vedute Recensioni Rubriche Telefonia

Blackview BV 9100 – Smartphone Rugget Carrarmato. Un power bank con smartphone integrato!

Una batteria Infinita, un peso non indifferente… siamo di fronte, molto probabilmente, allo smartphone con la batteria più duratura al mondo.

 Non è di sicuro un caso, se il video ufficiale del produttore, per questo modello di smartphone, presenta iì Blackview bv 9100 con un naufrago che su di un’isola si trova a dover fronteggiare molti giorni senza la possibilità di ricaricare il dispositivo. Oltretutto si tratta di un telefono Rugeet con standard militari e certificazioni IP 68/69, resistenti ad acqua, polvere e condizioni d’uso proibitive. Per chi non conosce il genere, gli smartphone rugget da qualche anno sul mercato, si stanno evolvendo e trovano sempre più consensi tra chi sceglie appositamente questa tipologia di telefoni perchè considerati più resistenti dei tradizionali. Negli ultimi anni i produttori, si stanno evolvendo nella concezione e la produzione di questi particolari device, migliorandone sempre di più le caratteristiche, i materiali usati e le prestazioni.

Clicca qui per passare direttamente al test della batteria

Il video ufficiale del produttore

 



Viene presentato e dichiarato dal produttore, con 60 giorni di autonomia in standby. Probabilmente, da nuovo e senza APP “energivore” installate, una volta completato il rodaggio delle 5 ricariche consigliate, potrebbe senza utilizzarlo, arrivarci pure a quella durata. Ne analizzeremo le prestazioni della batteria più avanti (lo abbiamo testato abbastanza) c’è da anticipare che per arrivare al ciclo delle 5 ricariche consigliate per stabilizzare le prestazioni della batteria, ci abbiamo messo più di un mese. Questa la dice lunga su che “mostro di durata” in autonomia, sia questo telefono, un vero miraggio nel panorama della telefonia. Tutto a discapito del notevole peso e spessore.


Smartphone Rugged, ovvero quei dispositivi mobili rinforzati, in grado di resistere alle condizioni difficili.


Blackview è un marchio cinese, fondato nel 2013. Si tratta del produttore più rappresentativo nel settore degli Smartphone Rugged. In pochi anni, grazie alle idee innovative del fondatore, Xu Ming, l’azienda si è affermata nei principali mercati occidentali.

Il bv 9100, si presenta bene con una confezione bianca ed elegante.

All’interno, troviamo lo smartphone con l’alimentatore rapido da 30 w, cavo, cuffie proprietarie con adattatore cavo otg con carica inversa, lo strumento per aprire il carrellino della sim e libretti vari con garanzia,un pratico adattatore per utilizzare un cavo di ricarica differente da quello in dotazione . E’ presente una pellicola protettiva già applicata e una di scorta. Il prezzo, in base ai siti on-line dove si acquista, oscilla tra i 260 e i 220 euro.

Il primo pensiero, quando lo si toglie dalla scatola e lo si prende in mano è sicuramente scioccante! Il peso è la prima cosa che si considera, a tal punto da domandarsi se abbiamo fatto una scelta sbagliata… Tranquillamente possiamo affermare che ci si abitua dopo pochi giorni di utilizzo (a tal punto da farci sembrare tutti gli altri dei giocattoli) e in ogni caso, le prestazione della batteria ci ripagheranno a pieno. Con questo telefono, possiamo tranquillamente affermare di non essere più “schiavi” del caricabatteria.

Ottimi i materiali, si ha da subito l’impressione di trovarci di fronte ad un prodotto di qualità e ben curato nelle linee e finiture. Tutto in perfetto stile rugget (ma non troppo) con le classiche viti laterali sulla scocca.I materiali non si deteriorano nemmeno dopo mesi di utilizzo intenso. Nemmeno troppo “gommoso”, solo gli angoli sono un pò gommati ma il resto abbastanza solido. 

Sul lato destro (vista frontale) troviamo i tasti di volume, il tasto di accensione e il sensore di impronte digitale, scelta secondo noi, non troppo azzeccata, come vedremo più avanti, lo si tocca facilmente anche quando non serve. Ok è spesso quasi 2 cm e lo spazio c’era per inserirlo sul lato, ma sarebbe stato più appropriato se il produttore avesse inserito una scalanatura a protezione (come su altri modelli similari di altri marchi) per evitare di toccarlo ogni volta. Sblocco con impronta, comunque fulmineo 8 volte su 10, ogni tanto si incanta. Scordatevi di sbloccarlo con le mani bagnate, e pure d’estate con mani sudate, non ne vuole sapere di rilevare l’impronta.

Sul lato sinistro, il carrellino per la sim, e un tasto “vergine” programmabile dall’apposito menù per impostare funzioni personalizzate, un tocco, due tocchi tre tocchi e pressione lunga. Noi abbiamo impostato 2 tocchi, la torcia, pressione lunga lo screen shot.

DUAL SIM? si ma anche no!

E’ un dual sim, ma come per molti altri modelli, una volta aperto il carrellino della sim, noteremo che le slot, sono soltanto 2 e se decidiamo di espandere la memoria con una micro SD dovremmo necesariamente rinunciare alla seconda sim. Esistono modelli in commercio che offrono invece tutte e tre le possibilità.

Il sensore di impronta digitale sul lato sinistro.

Sul retro troviamo il flash led e  2 camere, protette da un secondo vetro ben incastrato nella scocca e protette dalla cornice in metallo. Poggiandolo su un superficie piana, non tocca mai il vetro. 16 MP Dual Camera Sony, la seconda camera dovrebbe solo servire per l’effetto sfocato booken. Ma del comparto fotografico, vedremo dopo in modo più dettagliato.

Sul fronte, Display da 6.3″ Inch FHD+ 19.5:9 (un buon display luminoso) con il classico notch a goccia per la fotocamera frontale (Samsung da 16 MP), led di notifica e capsula altoparlante per le chiamate.

 

Nella parte bassa laterale, le 2 feritoie per gli altoparlanti ( ma è in mono), è presente un solo altoparlante sulla destra, quello sinistro è solo estetico. Piu’ il connettore centrale per la ricarica protetto dallo sportellino ermetico. Attenzione perchè si fa fatica ad aprirlo e quando si richiude, bisogna schiacciarlo bene con il dito fino in fondo. In ogni caso, lo si ricarica talmente poche volte (forse una alla settimana) che passa in secondo piano la difficoltà di aprirlo e richiuderlo.

Il cavo di ricarica (rapida) scalda parecchio e a lungo tende a deformarsi leggermente,carica comunque la batteria in circa 2 ore e 30 minuti, rapida  considerate le enormi dimensioni. 13000 mah!! Inoltre il cavo tipo C è comunque proprietario, non sarà possibile ricaricarlo con un cavo qualsiasi, sarà necessario portarselo dietro quando si viaggia. L’attacco, rispetto ad altri smartphone, si trova più in profondità e altri cavi non entrano, tra l’altro non è nemmeno semplice reperirli sul mercato.

4 GB di Ram e 64 di ROM. I 4 GB garantiscono fluidità nonostante un processore non tra i più performanti. Ogni tanto, specio dopo qualche mese di utilizzo e con più di una applicazione aperta in background qualche impuntamento quà e la lo si riscontra, ma abbastanza tollerabile.

Processore, OCTA-CORE Mediatek Helio P35



Sistema operativo Android 9

Colore grigio argento

Peso: 408 g

Dimensioni: 171,28 * 80,2 * 19,45 mm

Pannello LCD: JDI

Tipo di pannello: IPS

Risoluzione dello schermo: FHD + IPS 1080 * 2340

Dimensioni dello schermo: 6,3 pollici

PPI / DPI: 409

Rapporto schermo / corpo (%): 84,5%

Angolo di visione (H / V) Angolo completo


Hardware

CPU: MT6765 Helio P35, 2.3GHz

GPU: IMG GE8320 680MHZ

RAM: 4 GB

ROM: 64 GB, Capacità della scheda TF esterna: 256 GB

USB: 24 pin TYPE-C

Fotocamera

Fotocamera frontale: 16.0MP

Sensore fotocamera frontale: S5K3P9

Apertura fotocamera frontale: f2.0

Fotocamera posteriore: 16,0 MP + 0,3 MP

Sensore telecamera posteriore: IMX298 + GC0310

Apertura fotocamera posteriore: f2.0 / f2.0

Flash posteriore: SÌ


DAI TEST EFFETTUATI

Dichiarato, sempre pronto per le sfide!

Ma diciamo che dai test effettuati non è propriamente così, forse dovuto ad un modello difettoso ma qualche problema lo abbiamo riscontrato.

IP68/IP69K waterprof

Dovrebbe essere resistente all’acqua fino ad una profondità di 1,5 m per 30 minuti. Lo abbiamo immerso in 30 cm d’acqua ed utilizzato la fotocamera (nella modalità subacquea perchè il display bagnato non funziona, anzi impazzisce) la foto seguente parla da sola!

Infiltrazione d’acqua? modello fallato? difetti delle guarnizioni? fatto è che si è creata della condensa davanti all’obiettivo e per 2 giorni, foto annebbiate. Il tutto si è risolto dopo 2 giorni quando si è riasciugata la condensa. Una cosa spiacevole comunque, visto che si acquista un telefono con quelle caratteristiche. Sicuramente passa la voglia di riprovare ad immergerlo. Per quanto riguarda gli spruzzi d’acqua, tutto ok nella norma.La cosa buona di questi telefoni è che si possono disinfettare tutti i giorni lavandoli sotto l’acqua corrente, ma se il rischio è quello di avere infiltrazioni… Sarà magari un modello difettoso, ma difficilmente ci si fiderà ancora in futuro del marchio, se viene riscontrato un problema di questo tipo. Se viene dichiarato con certificazioni e waterproof, deve essere waterproof!! Il nostro modello, a quanto pare non lo è del tutto!


Anti caduta da 1,5 m

Non abbiamo fatto grossi test, in quel senso ma un paio di cadute anche da una altezza tavolo, le ha rette bene senza alcun danno apparente.

Anti polvere, sicuramente ma i soliti accumuli di polvere che si concentrano nelle scanalature e nei buchi delle viti ci sono sempre (come prevedibile del resto).


Batteria

Capacità della batteria: 13000 mAh

Corrente di carica massima: 5 V 6 A.

Connettività

WIFI 802.11 a / b / g / n / ac

Bluetooth BT 5.0

2G/3G/4G

Navigazione: GPS + GLONASS + Beidou + Galileo

Sensori: sensore di gesto, sensore giroscopio, sensore magnetico, sensore di pressione dell’aria, bussola, impronta digitale, NFC,

Tipo di scheda SIM: 2 Nano-SIM

FM: SÌ

OTG: SÌ

Tutte caratteristiche coerenti, non abbiamo riscontrato particolari differenti da segnalare, rispetto a quanto dichiarato, come caratteristiche, dal produttore.

*NON POSSIAMO GIUDICARE L’NFC perchè non lo abbiamo potuto testare con pagamenti. Il Bluetooth nella norma e GPS con google maps senza problemi rilevanti.

Non lo abbiamo testato per queste situazioni estreme, quindi ci fidiamo di quanto è dichiarato. L’uso che ne abbiamo fatto è molto più soft e tradizionale, e alcune delle funzioni base del dispositivo hanno lasciato molto a desiderare.

IP68 / IP69 : Si tratta di due certificazioni internazionali che assicurano piena impermeabilità del dispositivo mobile. Il Blackview BV9100 può essere immerso in liquidi fino a 1.5 Metri di profondità per oltre 2 Ore.

Come abbiamo visto in precedenza, nonostante le certificazioni, qualche problema c’è lo ha dato!

il produttore, dichiara il  Blackview BV9100  dotato di un incredibile resistenza a pressioni e cadute accidentali, certificate da una altezza pari a 1.5 Metri, considerando qualsiasi angolazione d’impatto. Inoltre, il corpo può resistere a livelli di umidità estreme, altitudini considerevoli e differente termiche che vanno da -30° a 60°. Test estremi non ne abbiamo fatti e visto la condensa creata dopo immersione, abbiamo evitato di farne. In ogni caso qualche caduta l’ha retta benissimo e ci fidiamo di quanto dichiarato. I materiali e l’aspetto generale è di grande solidità.

Comparto audio e multimediale.

Nota dolente per questo modello per quanto riguarda il comparto audio multimediale. Questo Blackview bv 9100, ha un suono appena sufficiente per la media del prodotto. Uno smartphone di queste dimensioni avrebbe avuto spazio, sicuramente per inserire degli altoparlanti e un sistema acustico, decisamente studiato meglio. Le 2 feritoie nella parte bassa sono solo estetiche, infatti solo una (quella di destra) ha un unico altoparlante, abbastanza piatto nel suono e decisamente senza alcuna “Cassa di risonanza” che avrebbe certamente contribuito ad ottenere un suono più “incisivo”. Il risultato è completa assenza di bassi, l’audio risulta in alcune circostanze addirittura fastidioso. Troppi acuti sui suoni toni alti.

Audio in chiamata, davvero pessimo. Non possiamo stabilire se un difetto del nostro modello, ma con il tempo di utilizzo (8 mesi) la situazione è peggiorata. l’audio nella capsula auricolare, durante una chiamata è talmente basso (paragonato anche ad altri modelli), che in alcune situazioni con rumore ambiente, per riuscire a sentire l’interlocutore, si è dovuti ricorrere ad attivare il vivavoce integrato. Una cosa imperdonabile per un telefono. Su altri modelli invece si stacca l’orecchio o si abbassa il volume in ascolto, altrimenti è troppo forte e da quasi fastidio, tanto da riuscire a sentire, chi sta dall’altra parte solo tenendolo in mano o addirittura a distanza. Con questo telefono (il nostro modello) non sentiamo nemmeno con il telefono appiccicato all’orecchia.

Sensore di prossimità

Abbiamo installato l’App dedicata, per effettuare il test del sensore di prossimità, apparentemente tutto bene, funziona avviando il test e coprendo la parte vicino alla capsula auricolare, sembrerebbe fare abbastanza bene il suo “lavoro”. Durante una chiamata, però la cosa non è esattamente cosi’, purtroppo 7 volte su dieci, appena si stacca leggermente il telefono dall’orecchia e dalla faccia, il display improvvisamente si accende.  La conseguenza e ben chiara, trattandosi di uno schermo touch appena si tocca con il viso “parte di tutto… si abbassa la tendina delle notifiche, si apre la sveglia, a volte parte l’ultimo video visualizzato su youtube! Cosa alquanto sgradevole durante una chiamata. Il più delle volte si è costretti a schiacciare il pulsante del blocco schermo per evitare di rendere attivo lo schermo stesso. Cosa poi sgradevole quando dobbiamo chiudere la chiamata, in quanto lo schermo rimane in attivo, e anche sbloccandolo, per poi chiudere la telefonata il più delle volte non si riaccende nell’immediato. Cosa non bella, se ad esempio facciamo un commento negativo sulla chiamata appena finita e l’interlocutore magari non ha ancora agganciato e ci sta ascoltando! Il problema potrebbe essere dovuto anche al posizionamento del sensore di impronta sul lato e non opportunamente protetto (magari se fosse stato più in profondità) e troppo alla portata. Appena lo si tocca, ed è semplice perchè in quella posizione, durante una chiamata, viene naturale sfiorarlo ed a quel punto lo schermo si attiva. Una cosa che dovrebbe sicuramente essere rivista. Su altri modelli abbiamo fatto un confronto ed effettivamente l’impronta laterale, risulta essere più protetta con spessori ai lati. Modelli Oukitel WP 2 e WP 7 di altro produttore.

Comparto fotografico

Non possiamo certo dire male delle foto. Per un modello rugget, si comporta abbastanza bene (c’è sicuramente di meglio) abbiamo testato comunque smartphone con fotocamere molto peggiori. Messa a fuoco lentissime e foto, anche in presenza di buona luce, veramente non all’altezza. Il BV 9100 nel complesso si comporta bene, non è un fulmine nella messa a fuoco ma lo “aggancia” abbastanza bene. Una cosa che abbiamo riscontrato è la lentezza nel buffer di registrazione dell’immagine. Capita tal volta che siamo convinti di aver scattato la foto, chiudiamo la fotocamera e poi quando andiamo a cercare l’immagine nella gallery (scaricata a parte dal Play store perchè non presente di default) non la ritroviamo. Questo potrebbe dipendere da due fattori:

  • Lentezza nel buffer di registrazione
  • foto non scattata perchè non aveva agganciato il fuoco correttamente.

 In ogni caso questo ci obbliga ad una verifica prima di chiudere, per evitare di non avere lo scatto nonostante siamo certi di aver premuto lo scatto e aver visto l’otturatore chiudersi.

Per la modalità subacquea

E’ possibile scattare foto in acqua, ma come anticipato in precedenza, il touch non funziona da bagnato o con mani bagnate (nemmeno con i guanti ed è un pecca visto che si tratta di un telefono da lavoro e per situazioni estreme) anzi lo schermo “impazzisce” e per poterlo usare in immersione per scattare foto, dobbiamo abilitare la modalità subacquea, abbassando la tendina delle notifiche dalle impostazioni. Il telefono escluderà il touch e potremmo utilizzare lo smartphone solo schiacciando il tasto del volume (in giù per scattare foto in su per registrare video).

Qualche scatto

Vediamo di seguito qualche scatto di prova indicativo, a bassa risoluzione, utile solo per valutarne la resa in situazioni comunque ottimali.

IMMAGINI ESEGUITE TUTTE IN LUCE NATURALE

Possibilità di impostare effetti bianco e nero o booken sfocato

Altre immagini d’esempio, scattate in luce naturale

Nella media anche le foto scattate con flash

sono presenti le modalità:

  • B&N
  • Video
  • Immagine
  • Boken
  • Baauty
  • Night
  • Pro (per impostare i parametri di scatto manualmente)

B&N 

Immagine normale

boken

Beauty

Night (scattata con poca luce e in penombra)

Modalità PRO


Modalità video con buone opzioni e resa nella media. Nessuno problema di messa a fuoco continua durante le riprese.

Il comparto video fotografico lo possiamo giudicare come discreto.


 Prestazioni e autonomia della batteria

Veniamo ora al vero punto forte dei questo dispositivo. L’incredibile durata della batteria (monta una batteria da 13.000 mah) di questo dispositivo. Probabilmente il Blackview bv 9100 può essere classificato come lo smartphone più duraturo, in termini di autonomia, ad oggi presenti sul mercato globale.

Alla prima accensione, la batteria presentava già il 100% di carica iniziale. lo abbiamo testato ed installato tutte le varie applicazioni,e utilizzato un po’.

il giorno seguente, il mattino era al 80%… stessa percentuale senza utilizzarlo alla sera. 24 ore di utilizzo e consumato solo 10%… non male come inizio.

Dopo ben 2 giorni d’uso, siamo arrivati al 15 % abbiamo scelto di “osare” e di non caricarlo fino a sera. Utilizzando comunque il telefono siamo arrivati a sera con il 2% di batteria. Tutto con la ricarica residua da telefono nuovo, senza effettuare nessuna ricarica.

Riassumendo, lo abbiamo acceso per la prima volta la sera del 13 febbraio, installato e usato tutte le vari app, siamo arrivati alle 23:46 del 18 febbraio, il tutto con la sola carica iniziale presente nel dispositivo! 4 giorni di utilizzo.

 A questo punto, attaccato la sera e lasciato in carica (primo ciclo di ricarica) il mattino.

Ore 7 e 11 del mattino 100% di batteria dopo averlo staccato dalla carica.

Ore 12 : 13 utilizzato sporadicamente e la carica ancora fissa sul 100%

Non male davvero… 30 sblocchi, 84 notifiche telefonate, internet, sveglie… totale 28 minuti di utilizzo attivo e 4 ore di stand by. Siamo ancora al 100%

A questo punto lo abbiamo utilizzato tutto il giorno, telefonate, youtube app, bluetooth e gps acceso, non si è riuscito, nonostante tutto, a schiodare la percentuale della batteria dal 100% alla mezzanotte.

Sveglia impostata alle 7:15 del mattino e buonanotte! l’indomani puntuale all’ora impostata, suona la sveglia, e lo stupore di vedere ancora la percentuale al 100%.

Solo alle 9:12 la percentuale inizia a scendere al 99%, più di 24 ore dopo.

A questo punto la batteria comincia a scendere in punti %, e alle 10:47 passa al 98 % iniziando, stranamente a scaldarsi un po’. Ma dobbiamo tener presente che ci troviamo di fronte al primo ciclo di utilizza dalla prima ricarica. Con il tempo si stabilizza ed inizierà a scaldarsi meno, ma rimarrà comunque anche dopo mesi di utilizzo, si noterà uno strano surriscaldamento dal 99% al 80%.

Alle 15:12, siamo al 92% di batteria, con la media di 1 punto a percentuale all’ora. Non male!

1 ora e 16 minuti di utilizzo fino a quel momento, 65 sblocchi, 93 notifiche,whatsapp, telefono, calcolatrice, facebook, instagram, sveglie.

Ultimo controllo, la sera alle 19, la percentuale 90%, circa 20 ore di utilizzo con solo 10 punti% consumati.

Ore 7:18 del mattino seguente, rileviamo un consumo leggermente più elevato (in stand by) siamo all’84% ma bisogna sempre considerare che si tratta del primo ciclo di ricarica.

Arriviamo a mezzogiorno di venerdi (lo abbiamo staccato dalla carica martedi mattina al 100%) e siamo 80% di carica residua. Praticamente quasi 50 ore di utilizzo misto, solo 20 punti percentuale consumati!

A questo punto, non controlliamo più ed attiviamo tutto il possibile compreso Hot Spot, il Sabato alle 20 30 siamo al 58%, una cosa mai vista per uno smartphone!

Alle 12:30 della domenica, siamo al 50% del consumo… siamo partiti il Martedì, possiamo tranquillamente, fare le prime valutazioni e renderci conto che abbiamo tra le mani un dispositivo, veramente inesauribile, finalmente non si ha più lo stress da smartphone scarico.

Con il Blackview bv 9100 è come avere 5 telefoni in uno, in termini di autonomia.

Il Lunedi, alle 11:10, arriviamo ad un residuo di 34% di batteria, ma niente ansia equivale al 100% in un telefono “normale”.

Infatti, nonostante un uso misto tra intenso e normale, arriviamo alle 7:20 del mattino successivo che siamo al 15%. Praticamente una sola carica (la prima) lo abbiamo usato una settimana.

Più di un mese per, completare i 5 cicli di carica di assestamento

La batteria rappresenta sicuramente il punto forte, anzi fortissimo di questo del bv 9100, e sicuramente passa in secondo piano lo spessore e il peso! c’è da dire che suscita anche un certo stupore in chi ci osserva utilizzarlo. Capita che ti chiedano se è una custodia…NO è il telefono!

A distanza di mesi di utilizzo, la batteria scende un leggermente (fisiologicamnete) di prestazioni, ma resta comunque impressionante. Scalda comunque dal 90% al 80%. Improvvisamente dopo il primo aggiornamento firmware, la batteria ha cominciato a scaricarsi da subito più velocemente, soprattutto nella percentuale dal 100% al 99%. Prima dell’aggiornamento, la durata era di quasi 24 ore con un uso normale. Dopo ha iniziato a scendere in 2 ore. Coincidenza?

Il blackview bv 9100, nel complesso ha un corpo compatto per il genere di smartphone, è robusto e resistente. A livello di prestazioni è buono ma non buonissimo, alla lunga il processore mediatek p30 qualche blocco ogni tanto lo si deve perdonare. Considerando che per lo stesso prezzo possiamo trovare modelli più evoluti con 6 gb di ram e 128 di rom e con fotocamere migliori, sorge sicuramente il dubbio se sceglierlo o meno. Bisogna per prima cosa, mettere in preventivo il peso eccessivo e l’ingombro, ma sicuramente, chi compra telefoni di questo tipo già ne è consapevole. Se ricerchiamo proprio nella batteria di lunga durata l’elemento principale di interesse, sicuramente fà al caso nostro. Se lo consigliamo? No c’è sicuramente di meglio, in ogni caso, se i difetti prima descritti sono dovuti al nostro modello, alloro non si rimane di cerro delusi dall’acquisto, noi non lo riacquisteremo di sicuro!


Giudizio finale della redazione:

Autonomia/batteria 10

Prestazioni 7

Peso 4

Ergonomia 8

Robustezza 9

Impermeabilità (non valutabile difettoso)

Prezzo 6

Fotocamera 6

VOTO complessivo 6,5

vedutedautore
Vedute d'Autore®, è associazione culturale gruppo fotografico di Abbiategrasso. Nato nel 2010 senza scopo di lucro, ha tra i suoi obiettivi principali, la passione per la fotografia e la condivisione degli eventi e le attività attraverso i moderni strumenti di social networking online (blog, facebook, ecc) e più tradizionali (sito web).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *