Rubriche Tecnica Pratica Fotografica

1. Composizione e inquadratura, i fondamentali che fanno la differenza

 

Torna all’indice Argomenti

Ciò che conta, prima di tutto…

Abbiamo visto precedentemente come sia importante possedere o sviluppare un’occhio fotografico … vediamo ora un’altro aspetto molto importante in fotografia che giustamente deve essere considerato un punto “primario” nella tecnica fotografica. Di solito il consiglio che si da ai meno esperti è quello di non preoccuparsi subito dei tempi diaframmi degli ISO ecc . ma di impostare la macchina in automatico e iniziare sperimentando prima di tutto la composizione dell’immagine e le inquadrature . Infatti sono proprio queste 2 cose primarie che fanno la differenza più di tutto in una buona immagine rispetto ad una grande immagine . (in foto, una suggestiva inquadratura della Basilica Minore a Melegnano – MI).

 

Come cambia il risultato nell’immagine dello stesso soggetto ripreso con inquadrature e composizione diverse . Nella seconda foto risulta meglio bilanciata e la composizione migliore rispetto all’inquadratura frontale della prima foto .


Importantissimo è lo studio del punto di ripresa , sperimentarne di nuovi e personali rende sempre più originali le nostre foto .

Con il termine di composizione fotografica si intendono tutte le decisioni prese dal fotografo, al momento dello scatto, riguardo alla scelta del soggetto da rappresentare e alle sue relazioni con l’ambiente circostante (sfondo). Altre soluzioni possono essere di tipo pratico, la scelta della posizione da cui scattare la foto (inquadratura, prospettiva), o di tipo tecnico quali il tempo di esposizione o la messa a fuoco. Solitamente le scelte pratiche influiscono maggiormente sulla composizione dell’immagine mentre il risultato dal punto di vista qualitativo (bilanciamento corretto del colore o assenza di rumore) si raggiunge grazie alla tecnica.

Obiettivo di queste decisioni è il comporre un’immagine che trasmetta le sensazioni di quel particolare momento, coinvolgendo l’osservatore e focalizzandone l’attenzione su determinati particolari. Raggiungere questo obiettivo significa rendere “dinamica” un’immagine, allontanandola dal senso di staticità che si può creare fotografando un soggetto immobile (un albero, delle montagne). Difatti il soggetto di una foto può essere una persona ma anche un oggetto o un panorama; in questo caso scegliere il soggetto significa anche scegliere il metodo di comporre l’immagine.

Scattare una foto “ben composta” non è sempre semplice, poiché la quantità di elementi presenti nell’inquadratura potrebbe rendere difficile il posizionamento di un soggetto in modo tale che attragga l’attenzione, fugandola da particolari secondari o indesiderati. Accade infatti spesso che in una foto appaiano elementi in posizioni di disturbo sui quali cade l’occhio, distogliendo la concentrazione dal vero protagonista dello scatto che viene lasciato in secondo piano. In alcuni casi possono finire nell’inquadratura soggetti indesiderati che “rovinano” la scena (tipico esempio è il palo della luce con i suoi fili davanti ad un paesaggio).

Il consiglio che viene dato al fotografo novizio è quello di non posizionare il soggetto al centro dell’immagine ma di cercare di decentrarlo rendendo l’immagine più “movimentata” (evitando la tipica inquadratura da fototessera, piatta e statica). Questo consiglio si basa su una regola principale da seguire (ma anche infrangere), la più nota nel campo della composizione dell’immagine: la regola dei terzi.

La scelta del soggetto e del tipo di foto influiscono sulla scelte compositive. In generale si può applicare la proporzione in terzi a qualsiasi scatto, ma si possono stabilire delle linee stilistiche di riferimento in base alla sua tipologia. Per seguire gli esempi si utilizzi l’immagine di riferimento della griglia di divisione in terzi.

Tecniche di composizione secondarie

Possiamo utilizzare altri metodi di composizione di un’immagine, sono teorie meno affermate e in parte influenzate dalla regola dei terzi

Composizione sulla diagonale

  • L’immagine è divisa diagonalmente in due parti, solitamente una più scura dell’altra per creare equilibrio; la diagonale passa per due punti di interesse. La definizione di questo tipo di composizione è influenzata molto dalla regola dei terzi (si pensi alla diagonale che interseca due punti di forza della zona aurea).

Composizione circolare

  • Più adatta alle fotografie paesaggistiche, prevede il posizionamento del soggetto al centro dell’immagine e di altri elementi attorno (disposti in modo da accerchiarlo).

Composizione a radianti

  • Viene definito un punto di maggiore interesse da cui si delineano delle traiettorie, verso il resto dell’inquadratura, che conducono a particolari significativi.


Esistono delle tecniche fotografiche che possono aiutare molto nella composizione dell’immagine. 

(Una suggestiva immagine di un Dente di Leone visto da vicino con sfondo sfuocato)

La più nota, e forse l’unica che merita di essere citata in questo contesto è quella della “resa dello sfocato” o “contributo delle zone fuori fuoco” ormai nota come Bokeh. Nell’inquadratura viene messo a fuoco il soggetto principale mentre tutto il resto, più precisamente le zone in secondo piano e lo sfondo, risultano sfocate. Questa tecnica garantisce un ottimo rendimento dal punto di vista di definizione del punto di interesse, ovvero l’unica parte della foto che risulta nitida, e degli elementi secondari, che comunque hanno un peso nell’equilibrio dell’immagine. Un ulteriore tecnica che crea dinamismo nella foto è quella del Panning utilizzata per soggetti in rapido movimento. Anche in questo caso è a fuoco solo l’elemento di interesse mentre il resto rimane sfocato dando un’idea di movimento.


Infrangere le regole

È il consiglio migliore; tutte le regole di composizione sono ottimi punti di riferimento per creare buoni scatti, tuttavia la sperimentazione personale di posizioni e angolazioni porta sempre a nuovi risultati.

il consiglio :

sperimentare e cercare sempre nuove inquadrature per dare più enfasi alle nostre foto.


Capire le basi della fotografia è essenziale per poter sfruttare al meglio tutte le potenzialità della propria fotocamera . Una buona tecnica aiuta a distinguersi è realizzare immagini sempre più ricercate è con quel tocco in più . Dimenticarsi della modalità automatica e “prendete” il massimo controllo della vostra attrezzatura …

vedutedautore
Vedute d'Autore®, è associazione culturale gruppo fotografico di Abbiategrasso. Nato nel 2010 senza scopo di lucro, ha tra i suoi obiettivi principali, la passione per la fotografia e la condivisione degli eventi e le attività attraverso i moderni strumenti di social networking online (blog, facebook, ecc) e più tradizionali (sito web).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *